Iniziative

Per avere sempre le informazioni corrette e le giuste istruzioni su come fare correttamente la raccolta differenziata, o su come avviene lo smaltimento e recupero dei rifiuti, ti invitiamo a seguire le campagne d’informazione realizzate e promosse da Geovest negli anni.

FISE Assoambiente lancia la campagna social #NoLittering, per un’estate…più pulita

Il rispetto dell’ambiente non va in vacanza, quest’estate non abbandonare i rifiuti.

Parte oggi la nuova campagna di comunicazione sui social media “#NoLittering, Non abbandonare i rifiuti!”, promossa da FISE Assoambiente, l’Associazione delle imprese che operano nei servizi di igiene ambientale, di recupero e smaltimento dei rifiuti e delle bonifiche.

La campagna,attraverso immagini e brevi video, mira a sensibilizzare l’opinione pubblica contro il littering (l’abbandono in aree pubbliche di piccoli rifiuti come cartacce, bottiglie, gomme da masticare e mozziconi di sigarette) in un periodo dell’anno in cui si vive di più a contatto diretto con ambienti naturali come boschi e spiagge o nelle vie dello shopping e in cui, quindi, aumenta il rischio che i rifiuti vengano abbandonati o gettati con noncuranza.

“Il littering è un problema diffuso”, osserva il Direttore FISE Assoambiente - Elisabetta Perrotta, “ed è indice di un degrado non solo ambientale ma anche culturale. L'abbandono dei rifiuti è un problema di consapevolezza del rapporto con l'ambiente in cui viviamo. La Campagna che abbiamo avviato oggi intende coinvolgere gli utenti dei social network, facendo riflettere sulle conseguenze di un comportamento spesso sottovalutato, ma estremamente dannoso per l’ambiente e dagli alti costi sociali. Quest’iniziativa si iscrive in un più ampio impegno dell’Associazione in attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in campo ambientale”.

Con immagini attenzionali e creative si farà leva sulla dicotomia ambiente naturale e rifiuto, creando con un’estrema sintesi un contrasto visivo dal forte impatto empatico. I video, attraverso un taglio più didascalico, saranno più immediati e seguiranno la logica del gioco “Trova l’intruso”, accompagnando chi li guarda nel riconoscimento dell’elemento estraneo che purtroppo sempre più spesso ritroviamo nei vari ambienti naturali, come spiagge, mari, laghi, fiumi, campagne, città e boschi.

La campagna durerà fino alla fine di agosto e sarà visibile sui canali social Assoambiente, oltre che sul sito www.assoambiente.org, dove sarà disponibile per tutti gli utenti un approfondimento dedicato al tema #nolittering.

 

Sala Bolognese, parte il 1 luglio IL RISPARMIO E' AL CENTRO

Parte l'iniziativa voluta dall'Amministrazione Comunale di Sala Bolognese per premiare i cittadini che hanno un comportamento virtuoso nella gestione domestica riducendo la tassa rifiuti e rispondendo in maniera concreta all'impegno.

Che cos’è

Il risparmio è al centro è un'iniziativa per premiare chi porta imballaggi in plastica, carta e cartone, lattine, olii vegetali e batterie al piombo al centro di raccolta.

Come funziona

Per partecipare a Il risparmio è al centro basta portare i rifiuti qui elencati al centro di raccolta, presentando la propria tessera CDR pass all’operatore. Per rendere più agevoli le operazioni di pesatura e la rendicontazione dei quantitativi si richiede un conferimento di almeno 0,5 kg per tipologia di rifiuto. Ogni consegna verrà pesata e registrata. Nel caso in cui l’utente non fosse ancora in possesso della CDR pass, per ottenerla potrà rivolgersi all'Ufifcio Tributi del Comune di Sala Bolognese.

Chi può partecipare

Tutti i cittadini (utenze domestiche) residenti o domiciliati nel Comune di Sala Bolognese.

Sono escluse le aziende, i negozi, gli uffici, ecc. (utenze non domestiche) e chi non risiede o non è domiciliato nel comune di Sala Bolognese. Chi partecipa ha uno sconto sulla TA.RI. (tassa rifiuti) che sarà applicato a consuntivo nell’anno successivo a quello dei conferimenti.

I rifiuti premiati

  • imballaggi in plastica: € 0,10/kg
  • carta e cartone: € 0,08/kg
  • lattine di alluminio e banda stagnata: € 0,06/kg
  • olii vegetali alimentari: € 0,10/kg
  • batterie al piombo: € 0,06/kg

Altre riduzioni riconosciute per le seguenti buone pratiche

  • PANNOLINI LAVABILI: riduzione del 25% del tributo. Per possesso di almeno 16 pannolini lavabili o noleggio dei medesimi.
  • COMPOSTAGGIO DOMESTICO: riduzione del 15% del tributo. Per smaltimento in proprio degli scarti biodegradabili mediante compostaggio.

Guarda la comunicazione

Pieghevole, locandina, manifesto.

A Nonantola prende il via oggi la nuova campagna sulle cargo bike

Se oggi i risultati conseguiti, dopo l’introduzione della raccolta porta a porta, sono stabilmente positivi sia per gli indici di raccolta differenziata (82% circa nel 2016) sia per la quantità di rifiuti residuale pro-capite non inviata a recupero (meno di 100 kg), c’è ancora margine di crescita e soprattutto di miglioramento della qualità dei conferimenti. È infatti questa la sfida lanciata con la campagna di comunicazione: meno rifiuti si produrranno, più si riuscirà a ridurre le frazioni incongrue, maggiori saranno i ricavi dalla vendita dei materiali e minori i costi di smaltimento, due fattori utili per contenere i costi del servizio.

La campagna prevede il contatto diretto con i cittadini grazie al lavoro di tutor ambientali appositamente formati che ascolteranno i suggerimenti degli utenti per migliorare il servizio, ribadiranno le regole di corretto conferimento e distribuiranno il nuovo strumento di comunicazione “ABC-DIFFERENZIATA” dei rifiuti, ossia una pubblicazione di facile consultazione che, per mezzo della grafica e di elenchi, renderà più semplice conferire correttamente i rifiuti.

Gli abitanti del centro storico e delle aree in cui sono stati riscontrati maggiori problemi saranno contattati dai tutor direttamente presso le abitazioni, anche con l’ausilio di collaboratori madrelingua araba e inglese individuati dal Centro Intercultura. I centri abitati, incluse le frazioni, saranno percorsi in larga parte da operatori su cargo-bike, biciclette attrezzate per la distribuzione del materiale informativo. In ogni quartiere sono stati individuati anche punti di incontro dove i tutor e le cargo-bike stazioneranno restando a disposizione dei residenti. Il calendario è riportato in calce.

Sempre nell’ottica di miglioramento della qualità delle frazioni raccolte, saranno progressivamente riviste le collocazioni dei contenitori per i rifiuti organici per creare punti di raccolta piccoli e diffusi, allargando in tutti i centri abitati il modello della raccolta di prossimità spinta già presente in alcune vie della zona 1 e delle frazioni.

Infine, con la collaborazione delle Guardie Ecologiche di Legambiente l’Amministrazione Comunale intende procedere al controllo campionario delle utenze che usufruiscono degli sconti TARI per compostaggio domestico. Si ricorda che questi controlli sono obbligatori sulla base dei vigenti regolamenti; alle utenze che li rifiutassero o che dovessero risultare non in regola saranno sospese le agevolazioni.

Calendario delle soste cargo-bike (può subire variazioni a seconda delle condizioni meteorologiche):

  • Lunedì 12 giugno, 18-19: Casette – Parco via della Partecipanza; zona verde via Saragat
  • Martedì 13 giugno, 18-19: Via Larga – scuola materna Ansaloni; zona via Erbedole-via Golfiera
  • Mercoledì 14 giugno 9-13: Redù, Rubbiara, Bagazzano (solo distribuzione del materiale informativo -  i tutor possono essere fermati a domicilio)
  • Mercoledì 14 giugno, 18-19: Parco Capitini; via Garibaldi (campo sportivo)
  • Giovedì 15 giugno, 11-13: mercato Piazza Tien an Men; 18-19: parco via Verdi; zona via Malatesta-via Wiligelmo
  • Venerdì 16 giugno, 18-19: via di Vittorio (dietro cantina); zona via Rebecchi-via Milano-via Venezia 
  • Sabato 17 giugno, 9-13: Piazza Ilaria Alpi (Coop)
  • Lunedì 19 giugno, 18-19: La Grande – via ragazzi del ’99; via Redipuglia
  • Martedì 20 giugno, 18-19: Campazzo – via Farini
  • Mercoledì 21 giugno, 18-19: Parco di Angelo (via Fossa Signora); via San Lorenzo
  • Giovedì 22 giugno, 9-11: mercato Piazza Tien an Men; 18-19 parco di Angelo (piazza Rodari); via Saba
  • Venerdì 23 giugno, 18-19: Parco via Kennedy; Piazza Alessandrini
  • Sabato 24 giugno, 9-13: Via Sacco e Vanzetti (Eurospin)
  • Lunedì 26 giugno 18-19: Parco via Luxemburg; Parco via Rossini
  • Martedì 27 giugno 18-19: Parco via di Vittorio; via Longarone
  • Giovedì 29 giugno 9-11: Piazza Tien an Men (mercato)

IL RISPARMIO È AL CENTRO

Parte l'iniziativa voluta dall'Amministrazione Comunale di Calderara di Reno per premiare i cittadini che hanno un comportamento virtuoso nella gestione domestica riducendo la tassa rifiuti e rispondendo in maniera concreta all'impegno.

Portando cartone, imballaggi in vetro, lattine, olii vegetali, pile, lampadine e piccoli elettrodomestici al centro di raccolta si ha uno sconto sulla TA.RI.

Che cos’è:

Il risparmio è al centro è un progetto per incentivare chi porta cartone, imballaggi in vetro, lattine, olii vegetali, pile, lampadine e piccoli elettrodomestici (RAEE) al centro di raccolta.

Come funziona:

Per partecipare a Il risparmio è al centro basta portare i rifiuti qui elencati al centro di raccolta, presentando la propria tessera CDR pass all’operatore. Per rendere più agevoli le operazioni di pesatura e la rendicontazione dei quantitativi si richiede un conferimento di almeno 0,5 kg per tipologia di rifiuto. Nel caso in cui l’utente non fosse ancora in possesso della CDR pass, per ottenerla potrà rivolgersi al Numero Verde GEOVEST. Ogni consegna verrà pesata e registrata.

Chi può partecipare:

Tutti i cittadini (utenze domestiche) residenti o domiciliati nel Comune di Calderara di Reno.

Sono escluse le aziende, i negozi, gli uffici, ecc. (utenze non domestiche) e chi non risiede o non è domiciliato nel comune di Calderara di Reno.

Quanto dura:

Il risparmio è al centro è attivo dal 1 giugno 2017 al 31 dicembre 2017. Lo sconto sulla TA.RI. (tassa rifiuti) sarà applicato a consuntivo nell’anno successivo a quello dei conferimenti.

Limiti ed esclusioni:

Per rendere agevoli le operazioni sono premiati con lo sconto sulla tassa rifiuti solo i conferimenti di cartone, imballaggi in vetro, lattine, olii vegetali, pile, lampadine e piccoli elettrodomestici (RAEE) differenziati in modo corretto e prodotti dalla singola utenza domestica che effettua la consegna. Tutti i comportamenti scorretti e volti a falsare il risultato di Il risparmio è al centro comporteranno l’esclusione dall’applicazione dello sconto.

Guarda la comunicazione:

pieghevole

cartello

Comuni Ricicloni Emilia Romagna premia San Giovanni in Persiceto

Risultati eccezionali nei Comuni virtuosi, ma ancora troppa disparità tra territori.

Soliera (MO), Novi di Modena (MO), Masi Torello (FE), Voghiera (FE), Fidenza (PR) e Casalecchio di Reno (BO) i Comuni che nelle rispettive categorie pesano meno sull’ambiente, mandando a smaltimento meno di 150 kg/ab . Soliera sotto la soglia di 60 kg/abitante!

Presentanti alcuni brevi video che raccontano buone pratiche di riduzione rifiuti, acquisti verdi nella pubblica amministrazione e tariffazione puntuale.

Si è tenuta a Bologna la premiazione della nona edizione di “Comuni Ricicloni dell’Emilia-Romagna”, edizione regionale della storica iniziativa nata nel 1994 a livello nazionale, che premia i migliori risultati conseguiti nel 2015 dalle amministrazioni comunali in tema di gestione dei rifiuti urbani.

Nel corso del convegno conclusivo, oltre alla premiazione dei Comuni modello nella gestione rifiuti, è stato approfondito il tema legato all’avvio della tariffazione puntuale, che da indicazione del Piano Rifiuti Regionale sarà obbligatorio attivare in tutti i Comuni della Regione entro la fine del 2020.

Tra i premiati nella categoria dei Comuni sopra i 25.000 abitanti troviamo, per il quinto anno consecutivo, Fidenza (PR) che registra il minor quantitativo di rifiuti totali smaltiti, seguito da Casalecchio Reno (BO).Confermati anche il primo posto di San Giovanni in Persiceto (BO) per la maggior percentuale di raccolta differenziata, di Piacenza per la miglior raccolta differenziata della carta e di Riccione (RN) per la maggior quantità di organico raccolto.

I risultati delle amministrazioni premiate oggi  confermano i continui passi avanti nella corretta gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna: sono infatti 41 le amministrazioni sopra il 75% di RD (solo 19 l’anno precedente), con ben 52 comuni che smaltiscono meno di 150 kg/abitante all’anno, con una media regionale di oltre 262 kg/ab (valore che era di 380 kg/ab solo nel 2008).

Allo stesso tempo però, il colpo d’occhio sui dati 2015 mostra un grande disparità tra Comuni: la forbice esistente tra le realtà di punta e gli altri è significativa. Tra la raccolta differenziata all’87% di Medolla ed il gran numero di comuni sotto il 60% od il 50%; tra i 59 kg/ab mandati a smaltimento dal cittadino di Soliera nel 2015 ed il valore medio di 262 kg/ab sull’intera Emilia Romagna.

Forti inoltre le differenze tra l’Emilia e la Romagna dove ancora sono rarissimi i “Comuni Ricicloni”.

Maggiori approfondimenti al sito di di Legambiente dove è possibile scaricare il dorrier.

 

A partire dall’8 Maggio è in vigore il nuovo Regolamento di conduzione dei Centri di Raccolta

Entra in vigore il nuovo Regolamento di conduzione che stabilisce le norme di accesso e funzionamento. In esso vengono definiti:

  • i destinatari dei servizi
  • la tipologia ed i quantitativi ammessi (Allegato B)
  • le modalità di conferimento e le norme per gli utenti
  • il nuovo modello di delega (Allegato C) per le utenze domestiche
  • la scheda rifiuti conferiti per le utenze non domestiche (Allegato D) ai fini della contabilizzazione dei rifiuti in conformità al D.M. 8/04/08

A partire dal giorno 8 Maggio saranno applicate le disposizioni contenute nel Regolamento.

Limitatamente all’applicazione dell’Allegato D, alle utenze non domestiche verrà concesso un periodo di tempo maggiore al fine di adeguarsi ai nuovi adempimenti. Oltre il giorno 5 Giugno non saranno accettati conferimenti con accompagnati dall’Allegato D.

Maggiori approfondimenti ed i link ai documenti nella sezione specifica.

Copia cartacea del Regolamento è consultabile anche presso il Centro di Raccolta. 

 

Dal 26 al 28 aprile la 16° edizione di RICICLOAPERTO di Comieco

Ricicloaperto è una grande campagna di comunicazione su raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone, per far conoscere e mostrare in presa diretta le diverse fasi del ciclo del riciclo ed educare i più giovani ad un uso consapevole delle risorse.

L’obiettivo è far scoprire il valore industriale del riciclo, le professionalità e le tecnologie del comparto e mostrare dal vivo come vengono effettivamente riciclati carta e cartone, per rassicurare i cittadini sull’utilità del loro impegno quotidiano nel fare la raccolta differenziata.

Nell’edizione 2017 saranno aperte al pubblico 111 luoghi tra piattaforme di selezione, cartiere, cartotecniche e musei in tutta Italia. Otto sono gli impianti in Emilia Romagna che apriranno le porte mercoledì 26, giovedì 27 e venerdì 28 aprile 2017 principalmente a scuole (primarie, secondarie di primo e secondo grado), oltre a delegazioni istituzionali e organi d’informazione.

Riciclopaerto è organizzato da Comieco, in collaborazione con la Federazione della Filiera della Carta e della Grafica, Assocarta, Assografici, con il patrocinio di: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Anci, Unirima e Utilitalia.

Per vedere da vicino come funziona il ciclo del riciclo di carta e cartone è necessario contattare la segreteria organizzativa che coordina tutte le visite. Tel. 06 809144/217-218-219 Email ricicloaperto@add-on.it

Premiate le scuole che vincono il concorso Diventa il nostro ERAEE

Premiate oggi le scuole che hanno partecipato e vinto la prima edizione del progetto “Diventa il nostro ERaee” rivolto agli alunni dei Comuni del bacino Geovest, dai 6 ai 19 anni.

Il progetto ha raccolto grandi adesioni tra le scuole: 47 plessi di 19 istituti su 20 presenti negli undici comuni di competenza di Geovest hanno partecipato all'iniziativa promossa insieme al Centro di Coordinamento RAEE di capillarizzazione della raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE) di origine domestica come sveglie, notebook, telefoni cellulari e caricabatterie.

L'iniziativa ha coinvolto 14.912 ragazzi insieme alle loro famiglie, il personale docente e non docente per un totale di circa 35.000 persone che per tutto l’anno scolastico hanno portato a scuola e gettato nell’apposito bidone i piccoli RAEE appartenenti al raggruppamento R4 che in casa non usavano più.

In sei mesi sono stati raccolti 11.752,1 kg di piccoli RAEE corrispondenti a 0,788 kg/alunno. Questa quantità rappresenta un incremento dei quantitativi raccolti e registrati dal centro di coordinamento RAEE rispetto al medesimo periodo del 2015 e conferma l’esito positivo raggiunto dal concorso.

Vincono il concorso la Scuola primaria di Ravarino e l’Istituto Tecnico Statale “Ignazio Calvi” di Finale Emilia che si aggiudicano un premio di € 1.500 ciascuno. Nella categoria Istituti Comprensivi e Direzioni Didattiche vincono anche l’Istituto Comprensivo di Calderara di Reno e quello di Castel Maggiore che ottengono rispettivamente il secondo e il terzo posto.

Premiate anche le scuole che hanno partecipato al concorso “Fatti un foto di classe RAEE” dove vince il Liceo Scientifico Archimede di San Giovanni in Persiceto in una simpatica e artistica foto che ritrae la classe nella posa dell’Ultima cena di Leonardo Da Vinci.

Guarda la gallery.

Nonantola rivede la collocazione dei contenitori dell'umido per aumentane il numero e la capillarità. Sconto ai condomini che gestiranno l'umido.

L’Amministrazione Comunale e la società Geovest hanno concordato un piano di azione per una maggiore efficacia nella raccolta della frazione organica dei rifiuti domestici. Fare la raccolta differenziata conviene, farle bene conviene ancora di più!

Purtroppo spiace commentare che l’inciviltà di una minoranza determina un danno per l’intera collettività. Nonostante un progressivo miglioramento del quadro generale nel tempo, si registrano ancora visibili abbandoni e comportamenti scorretti fra cui il conferimento di rifiuto indifferenziato nei contenitori marroni dedicati invece alla sola frazione organica.

Queste pratiche determinano incrementi di costi a carico dell’intero sistema, costi che si possono annullare semplicemente osservando le regole del servizio.

Nelle prossime settimane Geovest provvederà a rivedere la collocazione dei contenitori marroni per la raccolta del rifiuto organico su tutto il territorio comunale, aumentandoli e distribuendoli in modo capillare. L’obiettivo è di implementare pienamente il concetto di prossimità già realizzato in alcune zone del territorio, affinché non vi siano più grandi piazzole con molti contenitori, ma uno ogni 15-20 utenze. Non ancora un porta a porta anche dell’organico, ma qualcosa che possa assomigliarvi lasciando libero ogni cittadino di conferire come oggi, quando vuole. 

Una ulteriore azione riguarda i cittadini che risiedono in condomini, per i quali può essere prevista la raccolta condominiale anche della frazione organica. L’adesione è a richiesta; ai condomini che già dispongono dei contenitori per la raccolta di carta e plastica e che si impegnano a gestire in modo corretto anche il bidone dell’organico condominiale sarà riconosciuto uno sconto TARI a partire dall’annualità 2017 e la cui entità massima non potrà superare quella dello sconto per il compostaggio domestico.

Si avvisa infine che a partire dalla fine del mese di novembre e durante il mese di dicembre sarà ripetuta una campagna informativa su tutto il territorio comunale tramite tutor.

L’Amministrazione Comunale e Geovest chiedono collaborazione a tutti i nonantolani, invitandoli a segnalare comportamenti scorretti e a suggerire la giusta soluzione a coloro che dovessero ancora sbagliare.

 

In partenza RESTARTER, un progetto per l’inserimento lavorativo promosso dalle cooperative sociali

Si concluderà entro il mese di ottobre la posa, negli undici comuni gestiti da Geovest, dei nuovi contenitori per la raccolta degli abiti che andranno a sostituire quelli attuali. Si tratta del progetto RESTARTER (recupera – riusa – riparti) a cura del Consorzio Coperative Sociali EcoBi che ha la finalità di creare nuove opportunità di inserimento lavorativo per persone in condizioni di svantaggio.

RESTARTER è un termine familiare, molto diretto, che suggerisce un'azione. Ripartenza, rifare, rimettere in moto un processo in modo innovativo per generare una azione e reazione.

Il RESTARTER è colui che contribuisce a questa ri-partenza, una progressiva riformulazione delle modalità di utilizzo dello scarto, considerato come risorsa.

RESTARTER quindi, è chi dona i propri oggetti così come chi li seleziona e infine li destina a nuova vita.

L’obiettivo è anche quello di aumentare la quantità di materiale raccolto e quindi la percentuale di raccolta differenziata garantendo la tracciabilità in tutte le fasi di raccolta, stoccaggio e trattamento e dando la possibilità ai Comuni di indicare a chi destinare una parte dei proventi che verrà devoluta in liberalità.

Ogni giorno molte tonnellate di abiti vengono gettate fra i rifiuti con un degradante impatto sull'ambiente e con notevoli costi di smaltimento. Un efficace servizio di raccolta differenziata di abiti e accessori usati contribuirebbe al contenimento degli sprechi, al risparmio economico e alla riduzione dell'impatto ambientale delle attività industriali.

Il consumo procapite medio annuo di abiti e di accessori in Italia è circa pari a 14 kg, mentre il dato procapite di abiti e di accessori usati derivante dalla raccolta differenziata in Italia arriva in media a circa 1,5 kg. La media in Europa è pari a 7 kg annui.

Il rifiuto tessile derivante dalle raccolte è destinato per il 68% al riutilizzo, il 25% al riciclo e il 7% allo smaltimento.

I rifiuti raccolti con RESTARTER verranno depositati in un impianto di stoccaggio e quindi avviati ad impianti di recupero all’interno dei quali avviene il processo di igienizzazione e selezione degli indumenti che saranno commercializzati, a seconda della qualità, nei mercati dell’usato europei o di altri continenti.

 

Nasce un nuovo strumento di comunicazione che parla di rifiuti ai ragazzi

Oltre 4.000 gli alunni della scuola secondaria di 1° grado che hanno iniziato l’anno scolastico 2016/2017 con un nuovo strumento che ci permette di ampliare la partecipazione dei ragazzi ai progetti di Geovest. Si tratta del quaderno delle comunicazioni scuola famiglia, uno strumento didattico fornito gratuitamente alle famiglie che tocca i temi della prevenzione della produzione dei rifiuti, del riutilizzo e del riciclaggio invitando e ragazzi e le loro famiglie, con messaggi espliciti, a riflettere sulla sostenibilità ambientale delle azioni e comportamenti quotidiani. 

  • Magia Verde è il tema dedicato alla prima media: la proposta crea un ambiente magico stile Harry Potter dove gli incantesimi della prevenzione, del riuso e del riciclo sono i piccoli gesti ecologici e quotidiani
  • Recuperator, strani eroi al servizio dell’ambiente è la proposta rivolta ai ragazzi di seconda media dove piccoli mostri immaginari CRONO, CREO e CICLO invitano a diventare eroi del rispetto dell’ambiente 
  • WORLD APP applicati per salvare il pianeta è la proposta per la terza media che sceglie uno stile legato al linguaggio degli emoticon e dei cellulari per trasmettere gli stessi contenuti

Si tratta quindi di tre grafiche e tre linguaggi differenti ma che affrontano lo stesso tema della gerarchia nella gestione dei rifiuti come anche la recente norma regionale (Legge Regionale n. 16/2015) ribadisce, promuovendo il riciclaggio e la prevenzione per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito, sano e stabile dal punto di vista economico.

 

Firmato l'Affidamento di Atersir del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani

Il giorno 16 giugno è stato sottoscritto l’Affidamento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani alla società mista Geovest s.r.l. nel bacino comprendente il territorio dei comuni di Anzola dell’Emilia (BO), Argelato (BO), Calderara di Reno (BO), Castel Maggiore (BO), Crevalcore (BO), Sala Bolognese (BO), S. Giovanni in Persiceto (BO), S. Agata Bolognese (BO), Finale Emilia (MO), Nonantola (MO), Ravarino (MO) come già deliberato da Atersir con delibera n. 14 del 7 aprile 2016.

Il documento di affidamento è stato firmato dal Direttore di Atersir Dr. Ing. Vito Belladonna e dal Presidente di Geovest Dr. Ing. Gian Franco Saetti e vede concludersi un percorso iniziato nel 2013 quando i Consigli Comunali deliberarono l’avvio dell’operazione di partenariato.

Si ringraziano tutte le strutture tecniche ed amministrative dei Comuni e di Atersir che hanno contribuito in maniera concreta e pragmatica ad ottenere questa importante soluzione. A loro va la nostra stima e gratitudine per l’importante percorso compiuto insieme.

Un ringraziamento particolare a Florio Cavani che tanto si è prodigato in questi anni fin dalla fondazione della Società che ha potuto usufruire dell’importante collaborazione del Direttore Generale Dr. Enrico Dotti.

E’ ora compito della nuova struttura migliorare e ottimizzare la qualità dei servizi e la loro percezione da parte degli utenti. In questo sarà fondamentale l’opera del Socio privato Selvabella Ambiente che raggruppa importanti realtà che operano nel settore dei servizi ambiente che, operando con le persone di Geovest, porterà nel quotidiano queste azioni.

Inizia domani ad Argelato la distribuzione dei contenitori per il rifiuto indifferenziato

A partire da domani inizia la distribuzione dei contenitori per la raccolta del rifiuto indifferenziato. 

Invitiamo i cittadini a recarsi nelle date e nei luoghi di seguito indicati per ritirare gratuitamente il contenitore dotato di chip per la raccolta individuale del rifiuto indifferenziato:

  • giovedì 14/04/2016 dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Argelato, Sala Servizi alla Persona
  • venerdì 15/04/2016 dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Argelato, Sala Servizi alla Persona
  • sabato 16/04/2016 dalle ore 10,00  alle ore 18,00 Argelato, Sala Servizi alla Persona
  • giovedì 21/04/2016 dalle ore 15,00 alle ore 19,00 Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • venerdì 22/04/2016 dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • sabato 23/04/2016 dalle ore 14,00 alle ore 18,00 Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • domenica 24/04/2016 dalle ore 10,00 alle ore 18,00 Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • giovedì 28/04/2016 dalle ore 15,00 alle ore 19,00, Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • venerdì 29/04/2016 dalle ore 9,00 alle ore 13,00, Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)
  • sabato 30/04/2016 dalle ore 14,00 alle ore 18,00 Funo, Sala Civica (sopra la farmacia)

Nei punti di distribuzione verrà distribuito anche il calendario della raccolta, la chiave per l'apertura del contenitore dell'umido che rimarrà stradale ma con serratura e, per chi non la avesse, la pattumella areata per la raccolta dell'umido in cucina.

Le utenze che utilizzano pannolini, pannoloni o traverse assorbenti potranno utilizzare dei contenitori stradali dotati di apposita chiave. Ai punti di distribuzione sarà possibile richiedere la chiave e successivamente gli utenti potranno rivolgersi allo sportello Geovest o scaricare il modulo dal sito di Geovest.

Chi non fosse dotato della CDRPASS per accedere ai Centri di Raccolta può richiederla ai punti di distribuzione.

Ricordiamo che è necessario provvedere al ritiro del contenitore dell'indifferenziato perché a partire dal 17 maggio 2016 verranno raccolti solo i rifiuti conferiti all’interno del contenitore grigio. 

Per ritirare il contenitore è necessario compilare il modulo sul retro della lettera che arriverà a domicilio e consegnarla agli addetti alla distribuzione. Il contenitore può essere ritirato dall’utente intestatario della TA.RI (tassa rifiuti) o da un familiare. In caso di impossibilità al ritiro è possibile delegare un conoscente compilando anche il talloncino presente sul retro.

Le utenze non domestiche con necessità particolari riceveranno i contenitori a domicilio.

Domande e affermazioni più frequenti sul porta a porta

Cosa devo fare per ritirare il contenitore? 

Per ritirare i contenitori il cittadino deve avere la lettera che riceverà a casa avente ad oggetto: distribuzione contenitori per la raccolta del rifiuto indifferenziato e compilare nel retro la parte dedicata a: MODULO DI RITIRO, TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI e DELEGA AL RITIRO (da compilare solo in caso di delega)

Se non ho ricevuto la lettera come faccio a ritirare il bidone? 

Se non è arrivata la lettera a casa e le utenze sono regolarmente iscritte possono recarsi ai punti di distribuzione rivolgendosi al punto informativo consegnando una copia della denuncia di iscrizione alla TaRi. Se non è arrivata la lettera perché i cittadini non sono iscritti alla TaRi devono recarsi allo sportello per fare l’iscrizione.

Posso fare a meno di ritirare i contenitori? 

I contenitori grigi per il rifiuto indifferenziato sono indispensabili per il conferimento dei rifiuti e devono essere ritirati per ogni abitazione o attività.

I contenitori domiciliari sono personalizzati? 

I contenitori possono essere personalizzati e l'utente può renderli identificabili apponendovi un segno di riconoscimento. E’ importante farlo perché i contenitori contengono un microcip che li associa all’utenza alla quale è stato consegnato in preparazione dell’attivazione della tariffa puntuale, quindi è importante che ogni utenza riconosca ed utilizzi il proprio contenitore.

Sto già facendo la raccolta porta a porta dell’indifferenziato e possiedo già una dotazione, come devo comportarmi? 

Gli utenti che, avendo aderito al sistema di raccolta volontaria del rifiuto indifferenziato, sono già in possesso del contenitore individuale, sono pregati di recarsi comunque al punto di distribuzione per ritirare il contenitore nuovo dotato di chip e la chiave per accedere ai contenitori stradali del rifiuto organico. 

Cosa si deve fare se si rompe un contenitore? 

I bidoni sono assegnati in comodato d’uso gratuito, quindi ogni utente deve gestirli con cura. In caso di rottura per cause accidentali può essere richiesta al Numero Verde la sostituzione. Al momento della consegna del nuovo contenitore deve essere restituito quello danneggiato.

Se una famiglia si trasferisce, sempre all’interno dello stesso Comune, il kit dei contenitori segue la famiglia? 

Occorre recarsi allo Sportello della Ta.Ri per segnalare il cambio di residenza. Il contenitore dell’indifferenziato verrà trasferito alla nuova posizione tariffaria perché sono associati a quella utenza specifica e verrà inoltre valutata la necessità di inserire servizi aggiuntivi.

Posso mettere in strada i contenitori o sacchi quando voglio? 

No, per ragioni di decoro urbano e di rispetto delle regole del servizio. Soprattutto nei centri abitati è necessario esporre sacchi e bidoni il più tardi possibile I contenitori/sacchi devono essere custoditi in proprietà privata ed esposti, pieni, in prossimità della pubblica via solamente la sera precedente al giorno di raccolta e comunque non oltre le ore 5.00 del giorno previsto. Per le attività commerciali, gli studi, gli uffici e le aziende l’esposizione può avvenire al momento della chiusura.

Ho esposto regolarmente il mio contenitore/sacco ma non è stato ritirato e non c’è nessun avviso che mi spieghi il motivo, come devo comportarmi? 

Il ritiro avviene generalmente nell’arco della mattinata, ma in casi eccezionali la raccolta può proseguire nel pomeriggio. Se si ritiene di aver esposto correttamente il contenitore/sacco e tuttavia non è stato raccolto è bene segnalarlo al Numero Verde.

Ho un bambino piccolo che usa pannolini o un anziano che utilizza pannoloni, come posso fare? 

Sono posizionati contenitori stradali dotati di apposita chiave per la raccolta di pannolini e pannoloni. Per richiedere la chiave è necessario compilare il modulo scaricabile dal sito di Geovest e consegnarlo allo sportello Geovest.

Quando finisco i sacchi devo acquistarli o me ne vengono consegnati altri? 

I sacchi per gli imballaggi in plastica e di mater-bi per il rifiuto organico possono essere reperiti presso: • Centro di Raccolta via F.lli Chiarini, 2 • Centro di Raccolta via Stiatico, 4/5 • Ufficio Geovest di Argelato via Argelati, 4 • Centro Civico di Funo via Nuova • URP di Argelato, c/o Municipio via Argelati • URP di Funo, c/o Centro Civico, piazza della Resistenza

Quando parte il servizio? 

Il primo giorno di raccolta del rifiuto indifferenziato è il 17 maggio.

Dove metto i rifiuti organici? 

I rifiuti organici devono essere raccolti dentro i sacchetti in materiale biodegradabile (Mater-Bi); i sacchetti pieni dovranno essere depositati ben chiusi dentro il contenitore marrone dell’organico che resta stradale.

Ho dimenticato di esporre il rifiuto indifferenziato il martedì, come posso fare? 

Fino a dicembre è attivo un servizio itinerante di raccolta del rifiuto indifferenziato. L’Ecomobile staziona in diversi punti nel territorio del Comune. Per utilizzare il servizio, che è gratuito, basterà presentarsi negli orari indicati nel calendario Sotto casa 2016 con la tessera Geovest (CDR PASS). 

 

“Carta D’Imbarco” Un viaggio nel riciclo di carta e cartone

Uno spettacolo tra giornalismo e teatro che utilizza la metafora del viaggio, per meglio spiegare la raccolta differenziata e i benefici derivanti dal riciclo degli imballaggi in carta e cartone. Uno spettacolo dinamico in cui, Luca Pagliari, alterna narrazione, filmati, foto e musiche. Il viaggio di uno scatolone, supportato da altre parentesi molto coinvolgenti, costituisce il filo attorno a cui il format prende corpo.

Allo spettacolo del 7 aprile parteciperanno 300 ragazzi delle scuole dell'I.I.S. "Marcello Malpighi", dell'I.S.I.S. Archimede ed anche della scuola media Mameli di San Giovanni in Persiceto. 

Il titolo “Carta D’Imbarco – Un viaggio nel riciclo di carta e cartone” è la perfetta sintesi di quanto si vuole comunicare con lo spettacolo. Nulla meglio di una carta d’imbarco (al di là del gioco di parole) è in grado di rappresentare il senso di un viaggio importante.

Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base cellulosica), promotore della realizzazione di questo format, rappresenta la compagnia aerea che garantisce il viaggio stesso. La carta d’imbarco rappresenta idealmente la certezza che il viaggio è possibile (garantisce Comieco).

Obiettivi dello spettacolo

  • rendere chiaro il processo di raccolta e riciclo di carta e cartone
  • responsabilizzare, coinvolgere ed emozionare la platea
  • trasformare un semplice scatolone in un oggetto importante, un piccolo grande tesoro che può tornare ad una nuova vita
  • narrare storie di persone che hanno contribuito alla diffusione di una coscienza ambientale corretta
  • sfatare i falsi miti illustrando correttamente i benefici connessi alla raccolta differenziata
  • indurre una riflessione sull’importanza delle nostre singole azioni.

Durante lo spettacolo, della durata di circa 60/70 minuti, verrà spiegato che a fronte della raccolta differenziata non si può mantenere una posizione neutra…o si è dalla parte del problema o si è dalla parte della soluzione… Non esistono alibi…questa nostra carta d’imbarco è un invito esplicito all’azione, un’azione che non deve avvenire esclusivamente per senso civico, o perché qualcuno ci ha costretto a compiere tale gesto. Questa carta d’imbarco ci garantisce la possibilità di intraprendere un viaggio verso la civiltà.

La raccolta differenziata è un atto d’amore verso il pianeta che ci ospita e quindi verso noi stessi.

“Ci impegniamo, noi e non gli altri, unicamente noi e non gli altri, né chi sta in alto, né chi sta in basso, né chi crede, né chi non crede. Ci impegniamo per trovare un senso alla vita, a questa vita, una ragione che non sia una delle tante ragioni che bene conosciamo e che non ci prendono il cuore. Ci impegniamo non per riordinare il mondo, non per rifarlo, ma per amarlo”. Bertolt Brecht

L’autore

Luca Pagliari, giornalista professionista, ha realizzato una lunga serie di campagne itineranti e di progetti legati alla comunicazione etica e sociale, con particolare riferimento alle problematiche giovanili ed all’ambiente. Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dell’Ambiente, Miur ed altri numerosi e prestigiosi enti pubblici e privati, gli hanno affidato importanti progetti di prevenzione e sensibilizzazione a carattere nazionale. La comunicazione innovativa e originale, supportata da filmati, musiche e testimonianze dirette, ha sinora ottenuto consensi unanimi da parte di docenti, addetti ai lavori e soprattutto delle migliaia di studenti che hanno assistito alle varie campagne. Luca Pagliari è stato Direttore dei programmi di Radio Dimensione Suono, ha condotto programmi su Radio Rai, Radio24 e Radio Dee Jay. Ha ideato e condotto numerosi programmi televisivi per Raitre, Raiuno, Rai Educational, Tele Montecarlo, Stream, Tele+. E’ autore di alcuni libri, di alcuni spettacoli di teatro sociale e di numerosi documentari.

 

Fino a zero ... o quasi! Lezione spettacolo sui rifiuti

L'Amministrazione Comunale di Castel Maggiore ha voluto portare tutti gli alunni a teatro per una lezione spettacolo sui rifiuti. Dieci repliche iniziate il 19 novembre 2015 per le 27 classi della scuola primaria e secondaria di primo grado. Un totale di 1.125 alunni che hanno assistito e partecipato al monologo scritto da Lorenzo Bonazzi con Lorenzo Bonazzi e Ilaria Zarri (voce fuori campo).

Lorenzo Bonazzi è referente per i progetti di educazione ambientale presso il Museo di Ca' la Ghironda di Zola Predosa. Da diversi anni progetta e realizza lezioni/spettacolo, laboratori, animazioni e video su diversi temi inerenti la sostenibilità, parlando di alimentazione, rifiuti, risparmio energetico.

Tra i temi trattati: 

  • cosa sono i rifiuti come si originano confronto con i cicli naturali della materia
  • comportamenti e stili di vita che causano la produzione dei rifiuti
  • il Consumismo, l’usa e getta 
  • quantità di rifiuti prodotti su scala nazionale e su scala regionale
  • tipologia dei rifiuti loro destinazione
  • raccolta differenziata: significato modelli; sistema di Castel Maggiore
  • il concetto di riduzione dei rifiuti, il movimento Rifiuti Zero, comportamenti più sostenibili

Il racconto ci permette di gettare uno sguardo sul complesso problema della gestione dei rifiuti, per capire quale sia l’origine di questa emergenza ambientale. Si prenderà spunto dagli stili di vita, si capirà meglio come il consumismo e “l’usa e getta” siano alla base dell’incremento di rifiuti prodotti da ognuno di noi. Per capire perché ci siano tanti rifiuti e perché sia difficile gestirli si devono osservare i meccanismi che regolano la natura dove “nulla si crea e nulla si distrugge”. Il discorso ci porta quindi a capire come la ricerca di nuovi materiali per soddisfare le nostre esigenze ci abbia allontanato da meccanismi naturali di ciclicità di materia ed energia, portandoci a creare “super-materiali” e di conseguenza infiniti oggetti indistruttibili e non riciclabili.

Se da una parte è il mondo industriale e produttivo che deve rimediare a certi errori, dall’altra ognuno di noi nel suo piccolo con scelte e stili di vita opportuni può dare il proprio contributo verso una sostenibilità ambientale. Anche le Amministrazioni Pubbliche hanno un ruolo importante ed è per questo che negli ultimi anni si sta assistendo ad una maggiore presa di coscienza e di impegno anche da parte degli amministratori locali. La raccolta differenziata nelle sue diverse modalità rappresenta la più importante risposta per far fronte al problema dei rifiuti. Ma non è l’unica, altri traguardi ci attendono. Il Movimento di Ricerca “Rifiuti Zero” che in tutto il mondo sta coinvolgendo migliaia di cittadini vuole sensibilizzare l’industria nella ricerca per quanto riguarda la produzione di imballaggi ma anche di altri beni di consumo per far sì che tutti i rifiuti possano essere riciclati. Poi deve continuare lo sforzo delle Amministrazione e dei singoli cittadini. Ci vuole curiosità e fantasia per trovare nuove soluzioni, come il riutilizzo, il recupero, il baratto, il compostaggio domestico: decine di esempi verso un produzione sempre più bassa di rifiuti. Altri spunti di riflessione li possiamo trovare nelle modalità degli acquisti, evitando ad esempio imballaggi non riciclabili. Una ricerca continua per avvicinarci passo dopo passo ad una produzione ZERO, di rifiuti, dove tutto ciò che scartiamo sia in qualche modo “ricollocabile” in un ciclo di materiali, come da sempre ci insegna la natura.

Guarda le foto nella Gallery.

 

Parte il 10 dicembre il concorso Diventa il nostro ERAEE

Il 10 dicembre parte l'iniziativa promossa da Geovest e dal Centro di Coordinamento RAEE avente lo scopo di favorire la capillarizzazione della raccolta dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) di origine domestica.

Il progetto si rivolge agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado presenti sul territorio di Geovest e terminerà il 15 maggio 2016.

Hanno aderito 46 plessi e saranno coinvolti circa 15.000 studenti. 

I ragazzi dovranno raccogliere i piccoli RAEE appartenenti al raggruppamento 4 (dimesioni massime 25x25 cm) che in casa non usano più, portarli a scuola e gettarli nei contenitori dedicati.

L’elenco delle tipologie dei rifiuti conferibili è questo:

  • Ferri da stiro, tostapane, friggitrici, frullatori, macina caffè elettrici
  • Apparecchi tagliacapelli, asciugacapelli, spazzolini da denti elettrici, rasoi elettrici, apparecchi per massaggi
  • Sveglie, orologi da polso o da tasca
  • Bilance
  • Mouse, tastiera, notebook, agende elettroniche, tablet, e-reader 
  • i-Pod, lettori MP3
  • Calcolatrici tascabili e da tavolo, proiettori
  • Telefoni, telefoni senza filo, telefoni cellulari, caricabatteria
  • Segreterie telefoniche, fax, apparecchi radio
  • Videocamere, videoregistratori e apparecchi per la riproduzione video in genere
  • Registratori musicali, amplificatori audio
  • Strumenti musicali elettrici ed elettronici
  • Apparecchi di illuminazione (escluse le lampadine a basso consumo, al neon e fluorescenti)
  • Strumenti per saldare e brasare
  • Treni elettrici e auto giocattolo, giocattoli elettrici in genere
  • Consolle di videogiochi portatili, videogiochi
  • Micro computer per ciclismo, immersioni subacquee, corsa, canottaggio, ecc.
  • Apparecchi per misurare la pressione, termometri digitali, apparecchi per aerosol

Al termine del progetto verrà stilata una classifica delle scuole partecipanti: le scuole che, in proporzione al numero degli studenti, avranno raccolto il maggior quantitativo di piccoli RAEE (raggruppamento 4) verranno premiate con

attrezzature didattiche del valore riportato nel seguente prospetto:

Istituti comprensivi o Direzioni didattiche:

  1. Primo classificato € 1.500
  2. Secondo classificato € 1.000
  3. Terzo classificato € 500

Istituti superiori

  1. Primo classificato € 1.500

E' prevista anche la FOTO CLASSE RAEE! Ai ragazzi viene chiesto di prendere uno dei tanti piccoli elettrodomestici (quelli del raggruppamento 4) e fotografalo insieme alla sua classe in una posa insolita e pazza. Mandare la foto a info@geovest.it e quella più divertente e più green sarà premiata con un simpatico omaggio per tutta la classe!

Tutte le foto saranno pubblicate sul sito.

Leggi il volantino, l'adesivo con l'elenco dei materiali ammessi o guarda la locandina.

Il calendario della raccolta differenziata sul tuo Smartphone

Con IoRiciclo il calendario della raccolta differenziata è sempre con te.

L’applicazione, disponibile per Apple e Android, è scaricabile gratuitamente dagli Store e mostra il calendario del ritiro dei rifiuti con la possibilità di ricevere una notifica per ricordarvi cosa si deve conferire nel giorno successivo.

Con IoRiciclo potrete rimanere sempre aggiornati attraverso un veloce accesso alle informazioni più importanti su come fare la raccolta differenziata, su dove sono collocati nel territorio comunale i contenitori per la raccolta dell’olio vegetale, sugli orari del Centro di Raccolta e ricevere comunicazioni importanti sul servizio.

Come scaricare la App:

  1. vai su Play Store o su AppStore e cerca IoRiciclo
  2. installa l'applicazione
  3. seleziona il tuo Comune
  4. scegli la zona del calendario in cui risiedi
  5. ricordati di "tappare" sul simbolo della sveglia per attivare la notifica di riciclo

L'Amministrazione di Argelato incontra i cittadini per parlare di rifiuti

Martedì 27 ottobre l'Amministrazione Comunale di Argelato organizza due momenti di confronto e di ascolto con la popolazione per parlare di rifiuti e di raccolta differenziata.

Ne parla con:

  • Alessandro Cane, esperto di sostenibilità ambientale di Erica di Alba Cuneo
  • Michele Giovannini, Assessore all'Ambiente dell'Unione Reno Galliera

introduce Claudia Muzic, Sindaco di Argelato

coordina Laura Zoboli, Assessore Ambiente Comune di Argelato

Gli incontri si svolgeranno:

  • alle ore 18 presso il Teatro di Argelato
  • alle ore 21.00 presso il Centro Civico di Funo

Consegna dei diari dell'anno scolastico 2015/2016

Sono stati consegnati, il primo giorno di scuola, 4.185 diari agli alunni della scuola primaria iscritti alle classi terze, quarte e quinte. Anche per l’anno scolastico 2015/2016 Pinocchio sarà il compagno di banco dei bambini con cui approfondiranno il tema dei rifiuti, dell’energia e dell’ambiente.

Come può Pinocchio aiutarci ad affrontare questi grandi e complessi temi?

In realtà Pinocchio è una figura ideale per affrontare il tema dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile perché la morale alla base della fiaba, che nel secolo scorso ha aiutato a riflettere e crescere generazioni in tutto il mondo, oggi nel nuovo millennio, mantenendo inalterato il valore iniziale e attraverso una sua rilettura in versione ecologica, può essere di grande aiuto e di stimolo per le nuove generazioni.

Il Diario scolastico creato appositamente per sviluppare i tre temi proposti.

Nei Diari Pinocchio riprende la faticosa metamorfosi da legno a burattino, da burattino a uomo, ovvero da materia a oggetto e da oggetto a nuova risorsa. Si evidenzia come il variegato mondo dei rifiuti si può trasformare, attraverso una corretta raccolta differenziata, in un universo di risorse.

I tre innovativi Diari svolgono la funzione di collegamento scuola-famiglia, nonché costituiscono un contributo trasversale che affianca le materie scolastiche senza indebitamente inserirsi nei programmi ufficiali. Il riscatto del Diario, strumento fino ad ieri spesso inutile ma molto “amico” dei ragazzi, come strumento utile rappresenta a nostro avviso un ottima occasione di “informazione didattica” per rendere i bambini responsabili, primi attori di un quotidiano volto a migliorare la qualità della vita e dell’ambiente in cui viviamo.

I numeri del progetto

Hanno aderito i comuni di:

  • Anzola dell’Emilia
  • Argelato
  • Calderara di Reno
  • Castel Maggiore
  • Crevalcore
  • Finale Emilia
  • Ravarino
  • Sala Bolognese
  • San Giovanni in Persiceto
  • Sant’Agata Bolognese

Sono stati consegnati 4.185 diari 

 

Premiati i 41 Green Ambassadors di Geovest

Anche quest’anno il Parco di Pinocchio a Collodi ha fatto da cornice alla premiazione dei giovanissimi “Ambasciatori Verdi” (Green Ambassadors), alunni di altrettante classi terze delle scuole primarie che si sono distinti nell’ambito del Concorso “Pinocchio fa la differenza” ideato da Cosea Ambiente e dalla “Fondazione Nazionale di Cultura Carlo Collodi”.
Sono 41 i giovanissimi “Green Ambassadors” del nostro territorio che hanno ricevuto un riconoscimento per il loro impegno durante l’anno scolastico appena concluso dove hanno imparato e approfondito il tema della raccolta differenziata partendo dalla fiaba più conosciuta al mondo che ha come interprete un pezzo di legno: da legno a burattino, da burattino a uomo! Quale migliore esempio di riciclo?
Il concorso lanciato all’inizio dell’anno scolastico 2014-2015 è stato rivolto a tutte le classi terze dei comuni del bacino di Geovest.
I Green Ambassadors si inseriscono tra le iniziative del progetto “Pinocchio fa la differenza”, un progetto culturale ed educativo rivolto alle scuole primarie per accompagnare i bambini nell’appassionante percorso di recupero e trasformazione dei rifiuti, per risparmiare energia e materie prime e per progettare e costruire un mondo migliore.
I bambini delle terze hanno ricevuto gratuitamente nel settembre scorso il diario scolastico “Pinocchio fa la differenza”, strumento didattico appositamente studiato per conoscere e incentivare la raccolta differenziata dei rifiuti, il riciclo di oggetti e materiali e la sostenibilità ambientale. Insegnanti e alunni hanno potuto seguire durante tutto il corso dell’anno scolastico un percorso formativo di educazione ambientale creato per le scuole, servendosi del diario e di un gioco interattivo sul sito web www.pinocchiofaladifferenza.it.
L’alunno che in ogni classe terza partecipante al Concorso ha risposto più correttamente ai questionari di verifica previsti è stato quindi scelto come “Ambasciatore Verde”.
Oltre al diario “Pinocchio fa la differenza”, come detto dedicato alle classi terze primarie, sono stati distribuiti gratuitamente da Geovest anche il diario “Pinocchio risparmia l’energia” alle classi quarte primarie, il diario “Pinocchio rispetta l’Ambiente” alle classi quinte primarie, per un totale complessivo di 3.770 diari.

Sono Green Ambassadors di Geovest:
Magnani Alessandro | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Bassi 3A
Carnuccio Anna | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Bassi 3B
Golinelli Alessia | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Bertolini 3A
Bruni Ivan | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Bertolini 3B
Budini Riccardo | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Bertolini 3C
Federico Andreas Arbelais | DD CASTEL MAGGIORE Scuola Calvino 3A
Muscas Virginia | DD SAN GIOVANNI IN PERSICETO Scuola Quaquarelli 3A
Magagna Alice | DD SAN GIOVANNI IN PERSICETO Scuola Quaquarelli 3B
Bernardi Alice | DD SAN GIOVANNI IN PERSICETO Scuola Quaquarelli 3D
Capone Giulia | DD SAN GIOVANNI IN PERSICETO Scuola Quaquarelli 3E
Iannini Anna | DD SAN GIOVANNI IN PERSICETO Scuola Quaquarelli 3G
Munafò Alessia | IC ANZOLA DELL'EMILIA Scuola Caduti 3A
Carmina Sofia | IC ANZOLA DELL'EMILIA Scuola Caduti 3D
Marini Maurizio | IC ANZOLA DELL'EMILIA Scuola Caduti 3E
Auregli Marika | IC ARGELATO Scuola Argelato 3A
Scagliarini Elisa | IC ARGELATO Scuola Argelato 3B
Rondelli Alessandro | IC ARGELATO Scuola Funo di Argelato 3A
Cavallo Elisa | IC ARGELATO Scuola Funo di Argelato 3B
Renda Andrej | IC ARGELATO Scuola Funo di Argelato 3C
Botti Sara | IC CALDERARA DI RENO Scuola San Vitale 3A
Forleo Francesco | IC CALDERARA DI RENO Scuola Rodari 3B
Rodolfi Anna | IC CALDERARA DI RENO Scuola Rodari 3C
Martelli Giulia | IC CALDERARA DI RENO Scuola Longara 3A
Albertazzi Alessia | IC CASTEL MAGGIORE Scuola Levi 3A
Belletti Greta | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3A
Barbieri Tommaso | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3B
Martinelli Crystel | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3C
Hamza Aderkaoui | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3D
Botti Lorenzo | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3E
Accardi Ludovica | IC CREVALCORE Scuola Lodi 3F
Barranca Anita | IC CREVALCORE Scuola Pizzoli 3
Cavazza Nicole | IC DECIMA Scuola Gandolfi 3A
De Ruosi Elisa | IC DECIMA Scuola Gandolfi 3B

Nuova sede Geovest

Il 14 dicembre scorso è stata inaugurata la nuova sede di Geovest con una cerimonia a cui sono intervenuti i Sindaci e i rappresentanti degli undici Comuni soci.

L’edificio sorge a fianco dello storico fabbricato, sede degli uffici amministrativi, resi inagibili dal sisma del maggio 2012. Oggi, quest’ultimo fabbricato è stato nel frattempo riportato alla sua piena funzionalità, ed ospita una rimessa automezzi e parte del magazzino dell’azienda. La nuova sede di Geovest ospita i seguenti uffici:

Tecnico, Numero Verde, Tari, Amministrazione, Personale e Acquisti e Dirigenza, per un totale di almeno trenta postazioni.

Nella progettazione dell’edificio si è prestata una particolare cura ai seguenti aspetti:

• Sicurezza sismica

• Qualità architettonica

• Sostenibilità ambientale

• Efficienza energetica

La scelta dei materiali e delle tecniche costruttive è stata completamente rivolta all’ottenimento di elevati standard di sicurezza e risparmio energetico. 

Nella fase di progettazione è stata posta grande attenzione alla sicurezza sismica, andando a comporre una struttura mista in acciaio, calcestruzzo e legno che permette una buona distribuzione delle pressioni sul terreno e una limitazione dei problemi dovuti ai cedimenti differenziali. 

L’edificio risulta essere, inoltre, energeticamente autosufficiente: sono stati installati pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria e un impianto di riscaldamento/raffrescamento che sfrutta il principio della pompa di calore. Il sistema di ventilazione meccanica bilanciata permette un risparmio di energia elettrica che viene normalmente consumata con un sistema di evacuazione tradizionale (apertura delle finestre). Gli scambiatori d'aria recuperano il calore (inverno) e il fresco (d’estate) dall’interno dell’ambiente fino al 70-92% 

Sono stati inoltre utilizzati dei materiali di rivestimento che a contatto con la pioggia e la luce naturale permettono allo sporco di scivolare via. Il risultato è un edificio contemporaneamente gradevole dal punto di vista estetico, sicuro e ecologicamente sostenibile e compatibile con l’ambiente circostante. Non di rado alcuni animali provenienti dalla vicina Oasi, fanno una sosta nel piazzale sul retro dell’edificio.

 

Si sono conclusi i percorsi con le scuole

Si sono conclusi all’interno dell’iniziativa “MOSLEBON”, realizzata da WANDA CIRCUS in collaborazione con l’ azienda agricola Caretti, i percorsi di educazione ambientale promossi da Geovest nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, degli 11 comuni soci. L’iniziativa “Moslebon”, Festival delle Buone Pratiche, svoltosi a San Giovanni in Persiceto dal 17 al 24 maggio, ha toccato tanti aspetti legati al vivere sostenibile, al rispetto per l’ambiente, al buon cibo e all’impegno sociale. Hanno quindi trovato spazio in questa sede anche alcuni dei 197 percorsi proposti da Geovest per i ragazzi delle scuole allo scopo di diffondere la cultura della sostenibilità ambientale e, in particolare, l’importanza della raccolta differenziata.
La platea che Geovest ha avuto il piacere di incontrare durante l’anno scolastico 2014-2015 è stata rappresentata da:
28 scuole, per un totale di circa 4200 alunni impegnati in 197 percorsi.

Anche quest’anno i temi principali hanno spaziato dalla corretta differenziazione dei rifiuti, all’importanza del riuso, alle buone pratiche per attuare un efficace risparmio energetico, proposti in veste giocosa e accattivante. La partecipazione diretta dei ragazzi alle attività ha permesso di creare in essi un interesse attivo in grado di favorire un approccio positivo alle problematiche ambientali presentate.
In particolare, Geovest promuove da anni progetti di educazione ambientale sul tema dei rifiuti e delle energie rinnovabili sperando di contribuire a creare una cultura ambientale solida nelle nuove generazioni ed anche di riuscire a raggiungere con messaggi positivi le famiglie a cui i ragazzi riportano le proprie esperienze scolastiche.
La collaborazione con le scuole che hanno dimostrato particolare interesse e gradimento per le attività proposte, ha portato a raggiungere importanti traguardi in questa direzione.
L’ offerta formativa si rivolge alle scuole primarie e secondarie di primo grado e continua ad essere arricchita di nuovi progetti.
Particolare interesse continua a riscuotere il progetto di attività di riciclaggio artistico condotto da esperti con disabilità. Il percorso ha come obiettivo la diffusione di una cultura che promuove il riciclo attraverso attività manuali e creative, associata ad una visione delle persone disabili come soggetti portatori di saperi e di competenze.
I progetti di educazione ambientale sono confermati anche per il prossimo anno scolastico. A partire dal mese di agosto saranno pubblicati sul sito i percorsi.

Come si chiude il 2014

Le quantità
Come si vede dal grafico sovrastante, al termine del 2014 la percentuale di raccolta differenziata per il bacino dei Comuni gestiti da Geovest si è attestata sul 63,5%, rispettando le previsioni, ma ciò che conta maggiormente è il dato medio degli ultimi tre mesi dell’anno, presenta due punti percentuali in più del dato annuale, testimoniando una crescita ancora in movimento. Il dettaglio per ogni comune mostra, come sempre, delle difformità dovute essenzialmente alle diverse modalità di raccolta.

Il cammino di Geovest verso il raggiungimento degli obiettivi dettati dalla normativa e dalla pianificazione regionale (oltre il 70% di raccolta differenziata) continua. Era chiaro fin dall’inizio che non sarebbe stato un percorso lineare ed in effetti sono stati praticati sentieri a volte decisamente tortuosi.

La qualità
Essendo l’obiettivo dell’azienda quello di ottenere la massima valorizzazione dei materiali raccolti, è sempre stata dedicata una particolare attenzione alla qualità e cioè alla purezza delle frazioni differenziate.
Non tutti i materiali hanno le stesse necessità. Gli imballaggi in plastica ad esempio hanno visto nella recente revisione dell’accordo nazionale, la ridefinizione di regole più restrittive rispetto al passato. Nel corso del 2014 sono state eseguite 27 analisi qualitative e solo in un caso è stata superata la fascia di merito di competenza.
Per la carta ed il cartone esistono condizioni un poco meno restrittive, ma non si può abbassare il livello di controllo. Finora abbiamo parlato di materiali che permettono un ricavo, ma anche per i materiali per cui è previsto un costo allo smaltimento esistono parametri di qualità in funzione dei quali dipende il prezzo di conferimento all’impianto (es. organico presso l’impianto di compostaggio). Sia nel caso in cui si ricava meno dalla vendita, sia nel caso in cui si paghi di più all’impianto, una scarsa qualità del materiale mette in difficoltà il sistema.
Da questo punto di vista il passaggio a raccolte domiciliari ci pone in una condizione migliore rispetto alle stradali per alcuni motivi che consistono nella maggiore attenzione alle pratiche di separazione da parte degli utenti, e quindi alla fonte, e alla possibilità di individuazione delle situazioni di errori nel conferimento dei rifiuti e quindi di correggerle anche dialogando con le utenze, sulla loro porta. Quest’ultima rappresenta la vera novità.

Da RAEE a risorsa

Sono stati raccolti 40,8 kg di piccoli RAEE tra il 17 novembre e il 5 dicembre nelle 17 classi di San Giovanni in Persiceto che hanno partecipato alla terze edizione di RAEE@scuola3 che è un innovativo progetto di comunicazione ed educazione ambientale avviato lo scorso anno per la prima volta, per insegnare ai bambini delle scuole primarie, e di riflesso anche alle loro famiglie, cosa sono i Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e come vanno gestiti.
Hanno aderito 12 classi della scuola primaria “Ermanno Quacquarelli” della Direzione Didattica di San Giovanni in Persiceto e 5 classi della scuola “Ubaldo e Gaetano Gandolfi” dell’Istituto Comprensivo di San Matteo della Decima per un totale di 377 ragazzi che sperimenteranno una modalità alternativa di raccolta dei piccoli RAEE per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di riciclo.
RAEE@scuola 3 rappresenta il naturale completamento di un percorso virtuoso avviato nelle precedenti edizioni, ed è destinato a rafforzare i positivi risultati già ottenuti e a rendere sempre più diretta e continuativa l’interazione fra i soggetti interessati dal tema RAEE (cittadini, centri di raccolta, CdC RAEE). L’ambizioso obiettivo soggiacente è quello di rendere le scuole, in un prossimo futuro, non solo luoghi di apprendimento della corretta gestione, ma laddove è possibile, veri e propri centri permanenti di raccolta.
Il progetto, promosso dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) insieme al Centro di Coordinamento RAEE (CdC RAEE), con il supporto operativo di Ancitel Energia & Ambiente, è patrocinato del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.


Gli obiettivi
Solo una persona su quattro sa cosa sia un RAEE e come vada gestito. Inoltre ciascun italiano produce ogni anno in media 14,7 Kg di RAEE; di questi solo poco più di 4 kg pro-capite viene correttamente raccolto e avviato al recupero. È necessario incrementare la raccolta e il riciclo dei RAEE, soprattutto a fronte dei nuovi obiettivi che la Comunità Europea impone agli Stati Membri. La Nuova Direttiva RAEE 2012/19/UE, che è stata recepita dal nostro Paese attraverso l’approvazione del Decreto Legislativo n.49 del 14 marzo 2014, prevede la modifica dei quantitativi minimi di RAEE da raccogliere e cambia i parametri per il calcolo dei tassi di raccolta. La soglia minima da rispettare non si baserà più sui chilogrammi di RAEE raccolti per ogni abitante, ma sul rapporto tra i quantitativi raccolti e la media delle nuove apparecchiature immesse sul mercato nei tre anni precedenti. Dal 1 gennaio del 2016 si dovranno raccogliere almeno 45 tonnellate di RAEE per ogni 100 tonnellate di nuovi apparecchi immessi sul mercato (una quantità che diventerà di 65 tonnellate nel 2019). Attualmente si raccoglie solo una quantità di RAEE pari al circa il 30% dell’immesso sul mercato.
L’Italia dovrà passare da 8 kg/ab entro il 2016 a oltre 12 kg/ab nel 2019.

Da RAEE a risorse
Buttare i RAEE nella pattumiera o nel cassonetto della raccolta indifferenziata non solo è uno spreco perché si rinuncia al recupero di materie prime importanti (come ferro, alluminio, rame, plastica, ecc.) e metalli preziosi (come oro, argento, rame, ecc.) che sono riutilizzabili nei cicli produttivi, ma anche un costo per il comune e per la Società di gestione del ciclo urbano dei rifi uti, nonché un gesto dannoso per il pianeta. Infatti questi prodotti sono composti anche da sostanze inquinanti (come i clorofluorocarburi) e tossiche (come il mercurio) altamente nocive per l’uomo e per l’ambiente.

Centro di Raccolta: scopri la tua natura migliore

Il problema della quantità elevata di rifiuti si può risolvere soltanto attraverso un'assidua collaborazione, soprattutto per quanto riguarda l'abbandono dei rifiuti ingombranti

Rifiuti organici: la raccolta che nutre la natura...

Il compostaggio è una tecnica attraverso la quale viene controllato, accelerato e migliorato il processo naturale a cui va incontro qualsiasi sostanza organica per effetto della

Scopri anche


Contatti

Via dell'Oasi, 373 Località Beni Comunali Crevalcore (Bo) 40014